Criteri per la valorizzazione del merito

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

 

 

Il Comitato di Valutazione composto da

  • SALVADOR TUFANO  DS membro di diritto

 • Santaniello Fortunella  D .S . membro esterno nominato da USR

• Maria Gabriella De Lucia  docente individuato da C.d I

• Buonocore Anna Maria docente individuato da C.D.

 • Franca Damiano  docente individuato da C.D.

• Vanacore Maria  genitore individuato da C.d I.

• adotta la seguente regolamentazione per la valorizzazione del merito dei docenti e la conseguente attribuzione del bonus di cui ai commi 126 e 127 dell’art. 1 della L.107/2015.

 Art.1 - Condizioni di accesso al bonus , pre- requisiti e entità

Al bonus possono accedere tutti i docenti a tempo indeterminato in servizio nella scuola.

Pre-requisiti per l’accesso sono il non aver superato nell’a. s. i 20  gg . di assenza a qualsiasi titolo ,ritenendo la continuità della prestazione una precondizione per la valutazione del merito così come sempre precondizione è da ritenere l’assenza di provvedimenti disciplinari nell’anno di riferimento della valorizzazione e l’assenza ,nello stesso anno ,di procedimenti disciplinari in corso.

L’entità del bonus potrà anche essere diversa tra gli assegnatari e sarà determinata per ciascuno dal dirigente scolastico tenuto conto della numerosità di attività valorizzate e della qualità del contributo del docente assegnatario.

Gli assegnatari non potranno superare il 40 % ? dell’organico di fatto dell’istituzione scolastica al fine di evitare distribuzioni massive o a pioggia del bonus .

Art.2 - Motivazione dell’attribuzione L’assegnazione del bonus, nel rispetto dei presenti criteri, è effettuata dal dirigente scolastico motivandone l’attribuzione.

La motivazione dell’attribuzione del bonus scaturisce dalla compilazione , con riferimento a ciascun assegnatario e per l’ ambito/i di assegnazione, delle tabelle riportate nell’art . 3 ,dove a ciascuna funzione/attività valorizzabile con il bonus corrisponde il livello qualitativo che il dirigente riterrà conseguito dal docente assegnatario nello svolgimento della funzione/attività.

Non si procederà ad alcuna graduazione dei docenti né alla formulazione di una graduatoria;

la motivazione che scaturisce dalla compilazione della tabella evidenzia solo il livello qualitativo conseguito dal docente assegnatario nello svolgimento/ attuazione della funzione/attività ritenuta meritevole di valorizzazione.

Non sarà formalizzata alcuna motivazione per i docenti che non sono individuati quali assegnatari del bonus L’entità del bonus assegnato non è soggetto a motivazione. La motivazione riguarda solo l’individuazione quale assegnatario. L’assegnazione del bonus può fare riferimento per ciascun assegnatario ad un solo ambito o a più ambiti. Il provvedimento di attribuzione del bonus dovrà essere emanato dal dirigente entro il 31 agosto di ciascuna anno

Art.3 - Descrittori dei criteri e indicatori per la valutazione del merito Di seguito si riportano le tabelle contenenti, per ciascun ambito valutativo previsto dal comma 129 dell’art.1 della L. 107/2015 , i descrittori dei criteri con i relativi indicatori di funzione /attività valorizzabile e con l’indicazione dei livelli di qualità conseguibili dei citati indicatori .

 

a) della qualità dell'insegnamento e del contributo al miglioramento dell'istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti;

Il Bonus , come di seguito declinato al punto a, sarà attribuito ai

Docenti che hanno contribuito

A.1  alla qualità dell'insegnamento e successo formativo e scolastico degli studenti

• Creando un ambiente di apprendimento che incoraggi gli alunni a diventare capaci di risolvere problemi, prendere decisioni, apprendere da ogni circostanza, contribuire al cambiamento.

• Individualizzando e personalizzando i processi di insegnamento e apprendimento (inclusione e accoglienza) con attività di recupero e potenziamento curriculari documentate.

• Conoscendo e applicando alla didattica per competenze attraverso la strutturazione di UdA disciplinari e interdisciplinari debitamente formalizzate.

• Curando i rapporti con docenti del team per programmazioni e scelte didattiche condivise.

 • Curando il lavoro attraverso una tenuta efficace e puntuale della documentazione didattica con particolare riguardo alla documentazione di sperimentazioni e/o processi di ricerca attuati.

 

A.2 al miglioramento dell'intero sistema scuola

• Condividendo e sostenendo le scelte degli organi collegiali.

• Collaborando in modo efficace e professionale alla realizzazione delle scelte didattiche e organizzative decise dagli organi collegiali.

• Favorendo il processo di informazione, diffusione e condivisione di nuovi modelli organizzativi e didattici presso i colleghi e i genitori.

 • Impegnandosi in prima persona negli incontri divulgativi e/o informativi con genitori, docenti, enti locali, associazioni e simili con l'obiettivo di conseguire risultati a vantaggio dell'intera comunità scolastica.

 • Offrendo la propria competenza e professionalità nei processi organizzativi di sistema.

 • Attivando ed agendo pratiche di collaborazione efficace ed efficiente con il personale di segreteria e con i collaboratori scolastici.

• Attivando ed agendo pratiche di collaborazione con il dirigente scolastico.

• Offrendo la propria professionalità e collaborazione nei momenti di emergenza della scuola prescindendo dal proprio orario di servizio e/o di apertura della scuola ma sempre nell'ottica di un lavoro svolto per il bene dell'intera comunità scolastica.

 • Offrendo la propria collaborazione per la diffusione di buone pratiche tra docenti.

• Favorendo un clima relazionale sereno, costruttivo ed utile per tutti gli attori del progetto educativo/formativo nelle fasi collegiali.

• Coinvolgendo gli alunni in attività di miglioramento dei locali scolastici e delle loro pertinenze (competenze sociali e civiche).

• Essendo direttamente impegnato nell'elaborazione e pianificazione del Piano di miglioramento d'Istituto. • Partecipando all'attuazione del PdM e impegnandosi nella sua realizzazione.

• Partecipando a iniziative di formazione riguardante le tematiche professionali e formative.

 

 

b) dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell'innovazione didattica e metodologica, nonché della collaborazione alla ricerca didattica, alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche;

 

Docenti che si sono distinti per

 

• Uso di ambienti di apprendimento innovativi con produzione di oggetti didattici elaborati con la partecipazione attiva degli alunni.

• Miglioramento qualitativa dell'insegnamento attraverso proposte metodologiche motivanti ed inclusive.

• Realizzazione di progetti didattici innovativi sotto il profilo metodologico: CLIL, coding, avanguardie educative.

• Partecipazione a percorsi di formazione sulla gestione degli alunni "difficili" (DSA- BES-Diversamente abili- "vivaci e demotivati", etc).

 • Partecipazione a gruppi di ricerca-azione, anche creati autonomamente in seguito a proposte singole, per la soluzione di situazioni problematiche presenti all'interno della propria classe.

• puntualità nei compiti assegnati ( es: consegna documenti, rispetto delle scadenze previste dalle circolari, etc.).

• Valutazione tempestiva e trasparente.

• Diffusione di buone pratiche con la elaborazione e condivisione di modelli e modulistica a supporto delle attività didattiche.

 

c) delle responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale.

 

Docenti che hanno contribuito

 

• A fornire supporto organizzativo al Dirigente nella gestione della complessità.

• A facilitare lo svolgimento di percorsi di formazione con azioni di sensibilizzazione, coordinamento e organizzazione delle attività.

 • Assumere incarico nell'organigramma della sicurezza e tutela della salute.

  • Assumere incarico di coordinatore di classe, coordinatore di dipartimento, coordinatore di laboratorio professionale, coordinatore progettuale ed organizzativo.
  • Assumere l’incarico di Funzione Strumentale , animatore digitale, team digitale nell’ambito del PNSD
  • Assumere l’incarico di tutor di docente neoassunto.

 

Vico Equense, 05/06/2018


Allegati

Non sono presenti allegati in questa pagina

Contatti