Permessi straordinari di cui all’art. 3 del D.P.R. 23/8/88 n. 395, riguardante il diritto allo stud

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

Si informano le SS.LL., che il termine di scadenza per la presentazione delle domande da parte del personale Docente, Educativo ed A.T.A. che intenda fruirne, per l’anno solare 2019, è fissato, a pena di decadenza,al 15.11.2018., (ai sensi delle disposizioni per l’attuazione, in favore del personale del Comparto Scuola, dell’art.3 del D.P.R. n. 395/88, riguardante i permessi straordinari retribuiti per il diritto allo studio, già impartite con C.M. n. 319 del 24/10/91 e Circolare USR del 15/10/2018 prot. 10458 e previste altresì dal C.C.D.R. del 21/02/2013).

                   Le istanze di concessione dei predetti permessi dovranno pertanto recare in maniera inequivocabile gli estremi di assunzione al protocollo edovranno altresì essere complete di tutti gli elementi  indicati all’art. 5 del C.C.D.R. del 21/02/2013.

              Si rammenta ancora una volta che l’istituto dei permessi straordinari retribuiti, per motivi di studio, trova applicazione anche nei confronti del personale con Incarico a Tempo Determinato purchè con nomina fino al termine delle attività didattiche (30/6/2019) ovvero fino al termine dell’anno scolastico (31/8/2019).

            Il personale eventualmente assunto con contratto a tempo indeterminato o a tempo determinato dopo il 15 novembre 2018, potrà produrre la relativa istanza entro 5 giorni dalla stipulazione del contratto.

            Si precisa che anche detti docenti a tempo determinato (assunti dopo il 15 novembre) in ogni caso dovranno essere titolari di un contratto fino al 30/6/2019 ovvero fino al 31/8/2019.

            Si rammenta che gli aspiranti dovranno indicare con chiarezza il tipo di Corso finalizzato al conseguimento del titolo di studio, del diploma di Laurea o di titoli equipollenti, nonché di diplomi di specializzazione o di perfezionamento, specificando l’Ente presso cui si seguiranno i corsi.

              Gli aspiranti dovranno inoltre indicare l’anno di iscrizione al corso e la durata legale di esso di essere in corso o fuori corso e da quanti anni, nonché dichiarare da quanti anni fruiscono dei permessi retribuiti ovvero di non averne mai usufruito.

              Il personale a tempo indeterminato indicherà l’anzianità complessiva di ruolo mentre il personale a tempo determinato indicherà il numero degli anni di servizio prestati.(N.B. dichiarazione utile ai fini della graduatoria degli aventi diritto).

              Pertanto, si invitano le SS.LL. a voler utilizzare l’apposito modello di domanda, completo di tutti gli elementi indispensabili per la valutazione delle istanze da parte degli uffici competenti.

 

               Si richiama l’attenzione in particolare su quanto previsto dall’art.6 del citato C.C.D.R. del 21/02/2013 relativamente agli studenti fuori corso e si ribadisce che possono essere eventualmente accolte solo le istanze degli studenti iscritti fuori corso per un numero di anni nonsuperiore alla durata legale del corso di laurea e che abbiano superato almeno un esame nell’anno solare in corso all’atto dell’istanza (anno solare 2019, entro il 15/11/2018, data di scadenza dei termini di presentazione).

 

              Gli interessati che si trovino nella suddetta condizione, dovranno pertanto obbligatoriamente allegare il certificato di immatricolazione e produrre autocertificazione di aver superato almeno un esame nell’anno solare 2019 (entro il 15/11/2018)  indicando la denominazione e la data dell’esame.

              Per tale autocertificazione dovrà essere utilizzato esclusivamente l’apposito modello di istanza predisposto dall’Ufficio Scolastico.

 

Gli aspiranti che sono iscritti a corsi di studio on-line potranno usufruire dei permessi per il diritto allo studio per sostenere gli esami, per seguire le lezioni programmate in video conferenza o per altre attività certificabili, che dovranno essere debitamente certificate dal Dirigente Scolastico.

 

Ai sensi dell’art. 14 del D.P.R. n. 275/99 e dell’art. 7 del C.D.R. del 21/02/2013, rientra nella competenza esclusiva del Dirigente Scolastico la verifica dei presupposti circa la sussistenza del diritto per i singoli richiedenti e quindi, in concreto, la concessione dei permessi o il diniego.

 

Per il personale a tempo indeterminato il monte ore massimo fruibile è costituito da 150 ore annue.

Al personale in part-time, ai docenti di religione cattolica con orario inferiore alle 18 ore e al personale con contratto a tempo determinato le ore saranno concesse in misura proporzionale alle prestazioni lavorative rese.

Ciascun beneficiariodovrà poi esibire al Dirigente Scolastico gli attestati relativi all’iscrizione e frequenza del Corso, nonché quelli comprovanti gli esami finali sostenuti.

In caso di mancata presentazione della certificazione, i periodi di permesso utilizzati saranno considerati come aspettativa per motivi di famiglia senza assegni.

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

                                                                                                     Dr. Salvador TUFANO

In allegato la Circolare USR Campania e il modello di domanda

Allegati

Non sono presenti allegati in questo articolo

Contatti